Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa sulla privacy. Proseguendo la navigazione o cliccando su "Chiudi" acconsenti all'uso dei cookie. Chiudi
vai al contenuto vai al menu principale vai alla sezione Accessibilità vai alla mappa del sito
Login  Docente | Studente | Personale | Italiano  English
 
Home page

La Mediterranea nella Rete europea di università per l’energia

Primo evento del Cluster europeo sull’energia a Trondheim (Norvegia), 24-26 febbraio 2016: il professor Carlo Morabito presenta le attività di ricerca e la proposta formativa del nostro Ateneo

La ricerca sulle tematiche dell’energia è uno dei pilastri dei programmi della Comunità Europea e di Horizon 2020.

Un elemento chiave della strategia europea nel settore è la mobilitazione e la crescente inclusione delle università europee nella definizione delle strategie future per realizzare una società ed un’economia “low-carbon”. Le università, attraverso il programma europeo UNI-SET, sono chiamate ad offrire un contributo di rete non soltanto a livello di sviluppo di attività di ricerca, ma anche di partecipazione al disegno dei percorsi futuri e, naturalmente, alla formazione di giovani preparati, educati alla mobilità e con competenze interdisciplinari.

Il progetto UNI-SET (UNIversities in the SET-Plan) si propone come piattaforma delle Università che contribuiscono alla realizzazione degli ambiziosi progetti delineati nella strategia della Comunità Europea per l’Energia, nel programma Europa 2020 e nell’European Strategic Energy Technology Plan (SET-Plan), per la crescita sostenibile, inclusiva e smart.
UNI-SET è un programma di coordinamento e supporto finanziato dalla comunità europea attraverso il 7° Programma Quadro. E’ partito nel Settembre 2014 e durerà tre anni. UNI-SET è coordinato dalla European University Association (EUA) ed implementato congiuntamente alla KU Leuven, che rappresenta le Università in KIC InnoEnergy.
UNI-SET è un primo passo per lo sviluppo della “European Platform of Universities in Energy Research & Education (EUA-EPUE)”, che rappresenta il settore universitario nel SET-Plan e nella “European Energy Research Alliance (EERA)”.
Il programma UNI-SET mappa le attività delle principali Università Europee nel campo dell’energia e ha prodotto delle mappe interattive on-line che mostrano i programmi esistenti di Master (Lauree Magistrali), Dottorati di Ricerca e progetti di ricerca a livello europeo. Inoltre, UNI-SET ha costruito una mappa di chi offre occupazione nel settore dell’energia per favorire l’incontro di domanda e offerta di lavoro qualificato e per prospettare le future esigenze del mondo del lavoro.

Il primo evento di clustering, dal titolo “Risorse umane e nuove conoscenze per la costruzione del futuro sistema dell’energia”, si è svolto la scorsa settimana presso la Norwegian University of Science and Technology (NTNU) di Trondheim, Norvegia, dove si sono incontrate le Università aderenti al programma (tra cui la Mediterranea, che è anche socio dell’EUA).

Fra le 201 Università UNI-SET, la Mediterranea ha svolto un ruolo di rilievo, essendo stata tra le prime in Italia incluse nell’Atlante Europeo nonché presentando un apprezzato contributo nel corso del convegno. Il Pro-Rettore per l’Internazionalizzazione, prof. Carlo Morabito, ha presentato alcune attività di ricerca di punta del nostro Ateneo, fra le quali quelle nell’ambito dell’Ingegneria marina, delle celle a idrogeno e del PON sul generatore eolico a levitazione magnetica, illustrando altresì i recenti programmi ministeriali “Messaggeri della Conoscenza” sviluppati a Reggio Calabria.

Nel corso della conferenza, i cui primari obiettivi erano quelli di dare voce alle Università nello sviluppo delle politiche sull’energia e di rendere visibile il sostanziale contributo delle stesse nell’implementazione dell’Unione Europea per l’Energia, è stata tracciata una “roadmap” e un’agenda strategica per le Università, importanti “stakeholders” nella futura società dell’energia.

Nel corso dei lavori, è stato presentato l’Atlante Europeo della Formazione & Ricerca sull’Energia (European University Energy Atlas) che illustra centinaia di programmi in ambito energia presso le Università aderenti attive nel settore dell’energia, tra cui la Mediterranea.

La piattaforma europea servirà anche a individuare sotto-cluster di università che svolgono attività comuni per la partecipazione congiunta ai progetti europei di ricerca di Horizon 2020 e per la progettazione di corsi di laurea magistrale congiunti o di dottorati internazionali.

In particolare, la Mediterranea ha già partecipato a una proposta di dottorato internazionale coordinata dall’Università di Cracovia, Polonia, di cui sono partner 12 università, di cui tre russe.

In allegato il programma dell'evento.

Salita Melissari - 89124 Reggio Calabria - CF 80006510806 - Fax 0965 332201 - URP:Indirizzo di posta elettronica dell'ufficio relazioni con il pubblico- PEC:Indirizzo di posta elettronica certificata dell'amministrazione
Feed RSS Facebook Twitter YouTube Google+

PRIVACY - NOTE LEGALI