Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa sulla privacy. Proseguendo la navigazione o cliccando su "Chiudi" acconsenti all'uso dei cookie. Chiudi
vai al contenuto vai al menu principale vai alla sezione Accessibilità vai alla mappa del sito
Login  Docente | Studente | Personale | Italiano  English
 
Home page

LABORATORIO CAD

Corso SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE
Curriculum Curriculum unico
Orientamento PIANO DI STUDI STATUTARIO A.A. 2012/2013
Anno Accademico 2014/2015
Crediti 6
Settore Scientifico Disciplinare ICAR/17
Anno Terzo anno
Unità temporale Primo semestre
Ore aula 60
Attività formativa Ulteriori attività formative (art.10, comma 5, lettera d)

Canale Unico

Docente GIUSEPPE MODICA
Obiettivi Il corso intende fornire i fondamenti del disegno tecnico, del disegno tecnico assistito dal calcolatore (CAD, Computer Aided Design).
Obiettivo del corso ‘Laboratorio CAD’ è anche quello di consentire allo studente di ‘leggere’ ed interpretare correttamente gli elaborati del disegno tecnico; le conoscenze acquisite possono essere altresì di supporto alla didattica e alla ricerca per quelle discipline in cui sia richiesta una corretta strutturazione e presentazione di un’idea progettuale.
Il corso si compone di due parti: nella prima, sono impartite le nozioni di base del disegno tecnico e le relative norme e convenzioni utilizzate; nella seconda, si affronta il disegno tecnico computerizzato bidimensionale (CAD 2D) analizzando, nel dettaglio, i principali comandi e funzionalità di uno specifico software CAD.

- Conoscenza e capacità di comprensione
Acquisizione di strumenti e metodi per il disegno assistito dal calcolatore finalizzata alla progettazione in ambito agro-forestale.
- Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Capacità di interpretare e produrre elaborati di un disegno tecnico (piante, sezioni, prospetti, ecc.).
- Autonomia di giudizio
Considerazione critica di potenzialità, limiti e vantaggi dei diversi strumenti e metodi presentati, in rapporto a diversi ambiti applicativi e modelli di dati a disposizione.
- Abilità comunicative
Capacità di: organizzare in elaborati tecnici i risultati delle analisi; integrarsi con altre figure tecniche in gruppi di lavoro.
- Capacità d’apprendimento
Capacità di frequentare autonomamente la ricerca e l’organizzazione di dati finalizzati alla loro elaborazione in ambito CAD; aggiornare la propria formazione.
Programma -- PARTE I: PRINCIPI TEORETICI DI BASE DEL DISEGNO TECNICO --

INTRODUZIONE AL CORSO
Obiettivi e contenuti del corso. Il concetto di Disegno Tecnico: Principi e finalità.

NOZIONI DI BASE TEORICHE DEL DISEGNO TECNICO
Le normative di Unificazione (UNI EN ISO): formati e disposizione degli elementi grafici dei fogli da disegno; piegatura dei fogli; riquadro delle iscrizioni; scale di rappresentazione; tipologia e spessore delle linee; scritturazioni unificate.

TECNICHE DI BASE DEL DISEGNO TECNICO
Le primitive geometriche e i principi della geometria descrittiva e proiettiva. Operazioni geometriche fondamentali: proiezione e sezione.

METODI DI RAPPRESENTAZIONE DEGLI OGGETTI
Rappresentazione mediante proiezione ortogonale su due piani ortogonali di punti, rette, piani (metodo di Monge). Il terzo piano di proiezione: determinazione della terza proiezione di punti, rette, piani; proiezione ortogonale di figure piane e solidi. L’assonometria: ortogonale e obliqua. La prospettiva: frontale, centrale e accidentale.

STRUMENTI CONVENZIONALI PER IL DISEGNO TECNICO
Scelta formati e scale di rappresentazione. Costruzioni geometriche fondamentali. Superfici piane. Intersezioni e sezioni piane. Norme e convenzioni nel disegno tecnico. Viste e sezioni. Elementi di rilievo architettonico: principi generali e metodi. Esempi e casi studio di edifici rurali.
La quotatura. Criteri generali, linee di quotatura e riferimento, disposizione e lettura delle quote; sistemi di quotatura (in serie, in parallelo, sovrapposte, quotatura combinata, in coordinate). Convenzioni particolari di quotatura, criteri di scelta degli elementi di riferimento e norme generali per una corretta quotatura.


-- PARTE II: ESERCITAZIONI IN LABORATORIO --
Elementi di disegno computerizzato bidimensionale (2D). Architettura di un sistema CAD. Descrizione dell’hardware e delle principali periferiche; Funzionalità assolte dal software. Le potenzialità del disegno su livelli (layers) separati. Vantaggi e limiti di un sistema CAD. Esempi pratici in ambito rurale.
Uso di sistemi di coordinate polari e cartesiane. Impostazione ed utilizzo di layer bidimensionali. Creazione, modifica, cancellazione di layers; la gestione delle proprietà dei layer e degli oggetti in essi contenuti (colore, tipo e spessore delle linee, visualizzazione e opzioni di stampa, ecc.).
Impostazione del disegno di precisione (unità di disegno, scala, sistema di coordinate assolute e relative, funzioni di snap e di snap a oggetto, funzione orto, puntamento polare, ecc.).
Controllo della visualizzazione del disegno. Proprietà degli oggetti (generali e specifiche); Il disegno di figure geometriche (linee, polilinee, poligoni, ecc.)
La modifica degli oggetti (cancellazione, copia, taglio, spostamento, offset, scala di riduzione, specchio, cimatura, modifica delle proprietà, ecc.).
La quotatura degli oggetti. L’uso di blocchi (statici e dinamici), attributi e riferimenti esterni.
Inserimento e gestione del tratteggio per le parti sezionate (tipologia e scala del tratteggio). La gestione dei tipi e degli spessori delle linee.
L’inserimento del testo in un disegno (testo multi-linea, controllo della scala e degli stili di testo). Impostazione del layout di disegno.
Impostazione e gestione della stampa di un disegno. Controllo degli elementi da stampare, delle dimensioni del disegno, della scala di stampa, delle informazioni aggiuntive (testo, quote, elementi di annotazione).
Disegno e stampa di un elaborato progettuale tipo.
Testi docente TESTI DI RIFERIMENTO
- Materiale didattico disponibile sul sito del docente.

TESTI DI CONSULTAZIONE
-De Vecchi, A., Fiandaca O., 1994. Tecnica del disegno architettonico. Dario Flaccovio Editore, Palermo 202 pp.
-Cremona L., Demaldè R., Calegari F., 2005. Disegno Agrario. Poseidonia Casa Editrice Bologna.
-Porter T., 1996. Manuale di tecniche grafiche. Milano, Città Studi Edizioni. Vol. 3: Piante e planimetrie, gli alzati, le sezioni, le rappresentazioni assonometriche, le prospettive.
Erogazione tradizionale Si
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica Si

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento

Elenco dei ricevimenti:

Descrizione Avviso
Ricevimenti del docente: Giuseppe Modica
Ricevimento Studenti

Lunedì 10:00-11:00
Martedì 10:00-11:30
Salita Melissari - 89124 Reggio Calabria - CF 80006510806 - Fax 0965 332201 - URP:Indirizzo di posta elettronica dell'ufficio relazioni con il pubblico- PEC:Indirizzo di posta elettronica certificata dell'amministrazione
Feed RSS Facebook Twitter YouTube Google+

PRIVACY - NOTE LEGALI