Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa sulla privacy. Proseguendo la navigazione o cliccando su "Chiudi" acconsenti all'uso dei cookie. Chiudi
vai al contenuto vai al menu principale vai alla sezione Accessibilità vai alla mappa del sito
Login  Docente | Studente | Personale | Italiano  English
 
Home page

GRUPPO A SCELTA DELLO STUDENTE

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017

Modulo: GIUSTIZIA COSTITUZIONALE

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare IUS/08
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Erogazione 01M45 GIUSTIZIA COSTITUZIONALE in Scienze economiche L-33 PANZERA CLAUDIO
Docente Claudio PANZERA
Obiettivi Scopo dell'insegnamento è far conoscere le radici teoriche della giustizia costituzionale, il suo sviluppo ed espansione e in particolare il funzionamento della giustizia costituzionale in Italia, attraverso lo studio della Corte costituzionale e le sue diverse attribuzioni. Il corso consente l'integrazione delle nozioni costituzionalistiche tradizionali. Ordinariamente ogni anno si svolge pure un “processo costituzionale simulato”. Conoscenza approfondita delle ragioni e del funzionamento della giustizia costituzionale, specialmente secondo il modello italiano.
Programma I-Profili teorici, comparati e storici. 1. La Costituzione e la giustizia costituzionale fra politica e diritto. – 2. Modelli puri e modelli misti di giustizia costituzionale. – 3. La nascita della Corte costituzionale italiana. – 4. Composizione dell’organo e status del giudice costituzionale. – 5. Organizzazione e funzionamento della Corte. II-I giudizi della Corte costituzionale. 6. La Corte e il controllo sulla legislazione: il giudizio in via incidentale. – 8. La Corte e le relazioni centro-periferia: il giudizio in via principale e il conflitto fra Stato e Regioni. – 9. La Corte e l’equilibrio fra i poteri: i conflitti di attribuzione. 9. – La Corte e il corpo elettorale: il giudizio di ammissibilità del referendum abrogativo. – 10. La Corte e la “giustizia politica”: il giudizio sui reati presidenziali. III-Il processo costituzionale. 11. L’atto introduttivo del giudizio: l’ordinanza di rimessione e il ricorso costituzionale. – 12. Gli atti impugnabili e l’oggetto del giudizio. – 13. Il parametro utilizzato e i vizi sindacabili. – 14. Le decisioni della Corte: processuali e di merito. – 15. Decisioni interpretative, manipolative, miste. – 16. La motivazione nelle decisioni della Corte. – 17. Lo Corte costituzionale tra forma di Stato e forma di governo.
Testi docente Informazioni integrali sul sito http://www.unircost.altervista.org/

Per gli studenti frequentanti:
- Lezioni del docente, seminari e conferenze del corso
- A. RUGGERI-A. SPADARO, Lineamenti di giustizia costituzionale, V ed., Giappichelli, Torino 2014 (escluse le pagine 5-72 e 323-368).

Per gli studenti non frequentanti:
- A. RUGGERI-A. SPADARO, Lineamenti di giustizia costituzionale, V ed., Giappichelli, Torino 2014 (escluse le pagine 323-368).
Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: STORIA DEL DIRITTO CANONICO

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare IUS/11
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Erogazione 01M25 STORIA DEL DIRITTO CANONICO in Scienze economiche L-33 DE GREGORIO FAUSTINO
Docente Faustino DE GREGORIO
Obiettivi N.D.
Programma Si pongono in evidenza gli accadimenti storici del passato,al fine di verificare qu anto ha influito
nelle coscienze degli uomini, la presenza di Dio anche in ordine alle dinamiche dei nuovi ordinamenti sino alla età di mezzo. In ogni caso la presenza di Dio nella storia è un dato incontrovertibile: la divinità, anche prima del cristianesimo (penso ad esempio al paganesimo romano) è l’artefice della storia sempre presente nella vita degli uomini indirizzandone atti e gesta
per poi giudicarli.
Testi docente Faustino DE GREGORIO, Omnis potestas a Deo. Tra Romanità e Cristianità, Volume I, Giappichelli, Torino, 2011
Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: CONTROLLO DI GESTIONE

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare SECS-P/07
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Erogazione 80152 CONTROLLO DI GESTIONE in Scienze economiche L-33 NICOLO' DOMENICO
Docente Domenico NICOLO'
Obiettivi N.D.
Programma La pianificazione, la programmazione e il controllo di gestione. I centri di responsabilità.
Il costo di produzione: nozione, configurazioni e classificazioni. Le metodologie di analisi dei costi di produzione e di distribuzione. Il Full Costing e l'Activity Based Costing. Il Direct Costing, l'analisi costi-ricavi-volumi e la determinazione del punto di pareggio. Il margine di contribuzione e la leva operativa. I calcoli di convenienza economica per le scelte correnti di gestione
Il processo delaborazione del budget: i budget settoriali, il consolidamento dei budget settoriali nel budget globale. Il reporting. L'analisi degli scostamenti.
La redazione del business plan per la valutazione della sostenibilità dell'avvio di nuove imprese.
Testi docente Gli argomenti del programma possono essere studiati su qualunque testo universitario di programmazione e controllo di gestione. Per facilitare la scelta si segnalano, alternativamente, i seguenti:
- L. Brusa, Sistemi manageriali di programmazione e controllo, Giuffré
- S. Marasca, L. Marchi, A. Riccaboni, Controllo di Gestione. Metodologie e strumenti. Knovità Editore
- M. Saita, I fondamentali del controllo di gestione, Giuffré
- D. Nicolò, Il reporting per segmenti e linformativa settoriale secondo lIFRS 8, Giuffrè (per approfondimenti sul reporting).
Durante le lezioni del corso sarà pubblicato materiale didattico integrativo nel sito web dell'Università.
Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: DIRITTO DEGLI ENTI LOCALI

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Erogazione 01M34 DIRITTO DEGLI ENTI LOCALI in Scienze economiche L-33 MANGANARO FRANCESCO
Docente Francesco MANGANARO
Obiettivi N.D.
Programma Innanzitutto viene analizzata la trasformazione degli enti locali da soggetti autarchici a soggetti autonomi. Viene poi individuato il ruolo degli enti locali nel complesso rapporto con lo Stato e le Regioni.
In secondo luogo si passa ad analizzare la struttura politica ed organizzativa degli enti lo-cali, individuando modalità di elezioni degli organi politici e modalità si esercizio dei servizi pubblici locali, infine particolare attenzione viene dedicata agli strumenti di partecipazione democratica alla vita dell’ente.
Testi docente Testo di riferimento: L. Vandelli, Il sistema delle autonomie locali, ed. Il Mulino, ult. ed.
In alternativa; Aa.Vv., Diritto degli enti locali, ed. Simone, ult. ed. (Parte prima, Linea-menti generali degli enti locali; Parte seconda I soggetti; Parte terza La potestà normativa; Parte quarta Gli organi; Parte quinta Sistema elettorale, cap. 1; Parte ottava Sistema dei controlli; Parte nona, Istituti di partecipazione)
Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: DIRITTO DEI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare IUS/01
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Erogazione 01M152 DIRITTO DEI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE in Scienze economiche L-33 PIRILLI DOMENICA
Docente Domenica PIRILLI
Obiettivi N.D.
Programma L'insegnamento è incentrato sullo studio della parte del diritto assicurativo relativa al contratto. Si sostanzia pertanto nello studio del contratto in generale, delle assicurazioni danni e vita, con approfondimenti specifici che cambiano ogni anno in base all'attualità delle problematiche.
Testi docente Donati- Volpe Putzolu, Manuale di diritto delle assicurazioni, undicesima edizione, Giuffrè, 2016, parte terza, ad esclusione dei capitoli XXV, XXVI e XXVII.

Gli studenti che non frequentano il corso dovranno aggiungere al programma i seguenti saggi:
La Torre, Un chiarimento sull’assicurazione per conto altrui (art. 1891 c.c.), in ID, Cinquant’anni col diritto, vol. II, Diritto delle assicurazioni, Giuffrè, 2008, p. 353-371;
Corrias, Le aree di interferenza delle attività bancaria e assicurativa tra tutela dell’utente e esigenze di armonizzazione del mercato finanziario, in Giustizia civile, 2015, fasc. 3, pag. 617-639.

Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: DIRITTO DI FAMIGLIA

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare IUS/01
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Erogazione 01M33 DIRITTO DI FAMIGLIA in Scienze economiche L-33 TESCIONE FEDERICA MARIA
Docente Federica Maria TESCIONE
Collaboratore ROBERTA TRAVIA
Obiettivi N.D.
Programma Programma per CdL in Scienze economiche
Parentela e affinità. Matrimonio. Filiazione. Adozioni. Diritti e doveri dei figli. Responsabilità genitoriale. Rapporti patrimoniali tra i coniugi. Unioni civili e convivenze.

Programma per CdL in Giurisprudenza
Parentela e affinità. Matrimonio. Filiazione. Adozioni. Diritti e doveri dei figli. Responsabilità genitoriale. Unioni civili e convivenze.
Testi docente -Gabriella Autorino, Manuale di diritto di famiglia, Torino, 2016.
-Luigi Balestra, Unioni civili, convivenze di fatto e “modello” matrimoniale: prime riflessioni, in Giurisprudenza italiana, 2016, pp. 1779-1789
Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento

Elenco dei rievimenti:

Descrizione Avviso
Ricevimenti di: Roberta Travia
La Dott.ssa Roberta Travia riceve ogni giovedi ore 12 feo di vito- Stanza Docenti

mail: traviaroberta@gmail.com
Ricevimenti di: Roberta Travia
La Dott.ssa Roberta Travia riceverà gli studenti giorno 30 maggio alle ore 12 presso il feo di vito stanza docenti
Ricevimenti di: Roberta Travia
la Dott.ssa Travia Roberta riceve gli studenti mercoledì 26 aprile alle ore 15 presso il Feo di Vito, stanza docenti.
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: DIRITTO PRIVATO EUROPEO

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Erogazione 01M134 DIRITTO PRIVATO EUROPEO in Scienze economiche L-33 VIGLIANISI FERRARO ANGELO
Docente Angelo VIGLIANISI FERRARO
Obiettivi N.D.
Programma Il programma del Corso comprende:

A) una Parte generale dedicata ad un approfondimento dello studio delle fonti europee (con particolare riguardo alle novità introdotte dal Trattato di Lisbona, agli effetti diretti verticali ed orizzontali delle direttive, al principio dell’interpretazione conforme, alla responsabilità Stato per violazione del diritto europeo e all’efficacia delle decisioni della Corte di giustizia negli ordinamenti nazionali), nonché alla circolazione dei modelli giuridici all’interno dell’Unione europea e alle diverse tecniche di integrazione politica, giuridica ed economica tra gli Stati membri;

B) una Parte speciale , nella quale saranno esaminati – anche in forma seminariale – quattro dei più importanti diritti fondamentali contenuti nella Carta di Nizza (divenuta pienamente vincolante con l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona): diritto all’integrità della persona (art. 3); diritto alla privacy (art. 8), diritto di sposarsi e di costituire una famiglia (art. 9), diritto di proprietà (art. 17).
Testi docente G. BENACCHIO, Diritto privato della Unione europea. Fonti, modelli, regole, VI ed., Padova, 2013, capp. I-IV, pagg. 5-140 (per la Parte generale);

G. D'AMICO (a cura di), Proprietà e diritto europeo, ESI, 2013, pagg. 7-31 e 153-184 (per la Parte speciale).

I frequentanti potranno studiare su materiali didattici che verranno forniti nel corso delle lezioni.
Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: DIRITTO REGIONALE

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare IUS/08
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Erogazione 01M37 DIRITTO REGIONALE in Scienze economiche L-33 PANZERA CLAUDIO
Docente Claudio PANZERA
Obiettivi Scopo dell'insegnamento è far conoscere le radici storiche del regionalismo italiano, i suoi sviluppi nel corso dei decenni e la concreta fisionomia delle Regioni in Italia (poteri, organi e funzioni; relazioni centro-periferia; contenzioso costituzionale). Il corso consente l'integrazione delle nozioni costituzionalistiche tradizionali. Conoscenza approfondita del funzionamento e dello sviluppo del regionalismo italiano nel quadro dei processi di decentramento degli Stati costituzionali contemporanei.
Programma I-Profili teorici, comparati e storici. 1. L’articolazione territoriale degli Stati contemporanei. Sovranità e autonomia. Federalismi e regionalismi. – 2. I caratteri dell’autonomia regionale e gli elementi costitutivi delle Regioni italiane. – 3. Le vicende del regionalismo italiano. – 4. Regioni ordinarie, Regioni speciali e Regioni “specializzabili”. II-I raccordi Stato-Regioni. 5. Regionalismo competitivo e regionalismo cooperativo: il principio di leale collaborazione. – 6. La partecipazione delle Regioni ad attività dello Stato: il sistema delle Conferenze. – 7. Poteri statali di indirizzo, di controllo e sostitutivi. – 8. La c.d. “Camera delle Regioni” nelle proposte di riforma. III-Profili organizzativi. 9. – I principali organi regionali: Consiglio, Presidente e Giunta. – 10. La forma di governo regionale. IV-Profili funzionali. 11. L’autonomia normativa (statutaria, legislativa e regolamentare). – 12. L’autonomia amministrativa. – 13. L’autonomia finanziaria. V-Il sistema dei controlli sugli atti e gli organi regionali. 19. Il giudizio di costituzionalità sulle leggi in via principale. – 20. I conflitti di attribuzione tra Stato e Regioni e tra Regioni. – 21. Lo scioglimento del Consiglio regionale.
Testi docente Informazioni integrali sul sito http://www.unircost.altervista.org/

Per gli studenti frequentanti:
- Lezioni del docente, seminari e conferenze del corso
- T. MARTINES-A. RUGGERI-C. SALAZAR, Lineamenti di diritto regionale, IX ed., Milano Giuffré, 2012 (escluse le pagine: 3-28, 107-133, 239-270, 334-341, 355-364).

Per gli studenti non frequentanti:
- T. MARTINES-A. RUGGERI-C. SALAZAR, Lineamenti di diritto regionale, IX ed., Milano Giuffré, 2012 (escluse le pagine 239-270, 334-341, 355-364).
Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: DIRITTO SPORTIVO

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare IUS/01
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Erogazione 01M38 DIRITTO SPORTIVO in Scienze economiche L-33 BUSACCA ANGELA
Docente Angela BUSACCA
Obiettivi N.D.
Programma Il programma del corso 2016/2017 si compone di una parte generale e di una parte speciale; nel corso delle lezioni saranno approfondite le tematiche relative alla organizzazione e normazione dell’ordinamento sportivo nazionale ed internazionale ed ai principali contratti di lavoro e di pubblicità del cd. sport business; per gli studenti del CdL Magistrale in Giurisprudenza la parte speciale sarà dedicata al sistema della giustizia sportiva; per gli studenti dei CdL in Scienze Economiche ed Economics, la parte speciale sarà dedicata alla organizzazione e management degli eventi sportivi.
Nel corso dell’a.a. inoltre, saranno organizzati alcuni seminari con docenti provenienti da altre università e con alcuni autori della “Rivista di Diritto Sportivo”; nel mese di aprile, in coincidenza con la fine del corso, sarà organizzato un convegno internazionale (Jornadas Internacionales de derecho deportivo) in collaborazione con l’Università di Vigo; gli studenti del corso potranno partecipare alle giornate di studio e confrontarsi con esperti e docenti stranieri.

Parte generale:
Nozione di Sport: tra attività ludica ed attività “a rilevanza” giuridica.
L’ordinamento sportivo: struttura, istituzioni, fonti, soggetti.
L’attività sportiva come prestazione di lavoro; i contratti per atleti professionisti; i contratti per gli atleti dilettanti (*)
I contratti di pubblicità e di vendita dei diritti televisivi (*)

Parte Speciale (CdL in Giurisprudenza):
Il sistema della giustizia sportiva dopo la riforma del 2014 (*)
L’illecito sportivo tra regole federali, responsabilità civile e responsabilità penale (*)
Profili penalistici: il doping

Parte Speciale (CdL in Scienze Economiche):
Management degli eventi sportivi e sportainment: un nuovo modello di business? (*)
Testi docente Testi consigliati:
Parte generale:
Liotta-Santoro, Lezioni di diritto sportivo, Giuffrè (2016), pp. 3-237

Parte speciale:
(CdL Giurispridenza) Liotta-Santoro, Lezioni di diritto sportivo, Giuffrè (2016) pp. 239-332
(CdL in Scienze Economiche) Demetz, Lo sport va in scena, Carocci (2015) pp. 7-53; 79-151.

**gli studenti che frequentano il corso possono utilizzare, per gli argomenti contrassegnati con (*), i materiali analizzati e distribuiti nel corso delle lezioni**
Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: DOTTRINA DELLO STATO

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare IUS/08
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Erogazione 01M41 DOTTRINA DELLO STATO in Scienze economiche L-33 SPADARO ANTONINO
Docente Antonino SPADARO
Obiettivi N.D.
Programma • Programma del corso:
1. Nozioni preliminari (e chiarimenti terminologici). La Dottrina dello Stato quale materia “giuridica” la cui conoscenza comporta la necessità di un approccio di studio interdisciplinare.- 2. Concetto di valore (e segnatamente di valore giuridico-politico).- 3. Ermeneutica “cognitivista” e metodo “relazionista” nello stu-dio della Dottrina dello Stato.- 4. Prime indicazioni sulla fenomenologia del “potere” (comando, influenza, coercizione, manipolazione, persuasione, ecc.).- 5. Prime indicazioni sulla fenomenologia del “diritto” (sog-getto, oggetto, atto, fatto, norma e disposizione, ecc.).- 6. Rappresentanza, rappresentatività e responsabilità politica. Ruolo e funzione delle formazioni sociali e dei partiti.- 7. Il problema della sovranità. Evoluzione e metamorfosi storica del concetto.- 8. Destra e sinistra: una distinzione in bilico fra psicologia politica ed economia.- 9. Società, Stato e diritto. Carattere insieme (solo) tendenziale e (tuttavia) indispensabile della distinzione pubblico/privato.- 10. Concetto di Stato: a) in senso sociologico (varie teorie); b) in senso giuri-dico (elementi giuridici costitutivi dello S.).- 11. Evoluzione storica del concetto di Stato: S. gentilizio, S. ter-ritoriale (patrimoniale-privatistico / politico-pubblicistico), S. assoluto / di polizia, S. legale, S. liberale / di diritto, S. sociale.- 12. Le principali degenerazioni dello Stato nel Novecento: lo Stato “fascista”, lo Stato “nazionalsocialista”, lo Stato “sovietico”.- 13. Tipologia delle forme di Stato: a) democratica; b) non de-mocratica (essenzialmente autoritaria e/o totalitaria).- 14. La connessione fra i concetti di forma di Stato e forma di governo. Cenni sulla tipologia delle forme di governo.- 15. Stato e diritto: dallo Stato legale allo Stato liberale di diritto, allo Stato costituzionale.- 16. I 4 principali caratteri dello Stato costituzionale.- 17. Stato ed economia: SozialStaat, WohlfarStaat, WelfareState.- 18. L’evoluzione in atto: dallo Stato sociale al-lo Stato assistenziale, allo Stato sussidiario.- 19. Stato ed articolazione territoriale: Stati unitari (accentrato e verticistico, con decentramento burocratico-organico e limitato decentramento istituzionale, regionalista) ed Unioni di Stati (federale o confederale).- 20. La crisi dello Stato nazionale moderno nell’età della c.d. globa-lizzazione.- 21. Stato e Costituzione: evoluzione storica del concetto e nozione “pregnante” (in senso liberal-democratico) di Costituzione.- 22. Costituzione e costituzionalismo.- 23. Costituzione e democrazia: il dop-pio fondamento di legittimazione del potere nello Stato costituzionale contemporaneo.- 24. Potere costituente, potere costituito e potere di revisione costituzionale.- 25. Cenni sulle principali teorie relative all’ordine giu-ridico dei regimi politici (S. Tommaso, Hobbes, Locke…) e, quindi, su Stato e Costituzione (Marx, Schmitt, Kelsen, Smend, Heller…).- 26. Etica pubblica, teorie dello Stato, teorie della Costituzione e teorie della giu-stizia costituzionale.

• Modalità di accertamento dei risultati di apprendimento:
Esame orale. Per i frequentanti è prevista anche l’organizzazione di un seminario finale autogestito dagli studenti con prodotti e ricerche elaborati dagli stessi.

• Descrizione dei metodi di accertamento al fine di verificare che i risultati dell’apprendimento siano acquisiti dallo studente:
Colloqui con gli studenti durante i ricevimenti settimanali del docente e dei collaboratori
Testi docente • Testi e materiale didattico consigliato (eventuali siti internet di riferimento)
Informazioni integrali sul sito http://www.unircost.altervista.org/

Per gli studenti frequentanti:
- Lezioni del docente, seminari e conferenze del corso
- A. SPADARO, Contributo per una teoria della Costituzione, vol. I, Fra democrazia relativista e assolutismo etico, Milano Giuffré, 1994, ristampa 2016, solo pp. 5-180.

Per gli studenti non frequentanti:
- A. SPADARO, Contributo per una teoria della Costituzione, vol. I, Fra democrazia relativista e assolutismo etico, Milano Giuffré, 1994, ristampa 2016, pp. 5- 288.

Letture meramente facoltative e integrative dei testi sopra indicati, per gli studenti più volenterosi (frequentanti e non frequentanti):
- A. SPADARO, Dai diritti “individuali” ai doveri “globali”. La giustizia distributiva internaziona-le nell’età della globalizzazione, Soveria Mannelli (CZ) Rubbettino, 2005.
- A. SPADARO, Libertà di coscienza e laicità nello Stato costituzionale (le radici “religiose” dello Stato “laico”), Torino Giappichelli 2008.
Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: ECONOMIA DELLA CRIMINALITA'

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare SECS-P/03
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Erogazione 80068 ECONOMIA DELLA CRIMINALITA' in Scienze economiche L-33 GRATTERI NICOLA
Docente Non assegnato
Obiettivi N.D.
Programma 1. Le organizzazioni criminali
2. Modelli economici del crimine
3. Strumenti di controllo
4. Ricerche econometriche: situazione italiana
5. Estorsione
6. Usura
7. Riciclaggio

testo di riferimento:
R: Marselli - M. Tannini Economia della criminalità UTET ultima edizione
Capp. 2,3,5,7; Cap. 8 pagg. 181 - 193

letture consigliate:

N. Gratteri e A. Nicaso Fratelli di sangue Mondadori ultima edizione
Capitoli 1,2,5,6,7,8,9,11,12,13,14,15
Testi docente testo di riferimento:
R: Marselli - M. Tannini Economia della criminalità UTET ultima edizione
Capp. 2,3,5,7; Cap. 8 pagg. 181 - 193

letture consigliate:

N. Gratteri e A. Nicaso Fratelli di sangue Mondadori ultima edizione
Capitoli 1,2,5,6,7,8,9,11,12,13,14,15
Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: ECONOMIA SANITARIA

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare SECS-P/03
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Erogazione 80017 ECONOMIA SANITARIA in Scienze economiche L-33 MIRAGLIA FABIO
Docente Non assegnato

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: MATEMATICA FINANZIARIA

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare SECS-S/06
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Erogazione 1000306 MATEMATICA FINANZIARIA in Scienze economiche L-33 FERRARA MASSIMILIANO
Docente Massimiliano FERRARA
Obiettivi N.D.
Programma 1. Capitalizzazione e attualizzazione
2. Rendite e Ammortamenti
3. Applicazioni aziendali classiche
4. Scelte finanziarie
5. Duration e immunizzazione

Parte Monografica (da svolgere interamente o a scelta dello Studente, un argomento dei tre sotto indicati):

- Titoli a reddito fisso
- Calcolo finanziario e normativa
- Valutazioni di operazioni rischiose: cenni
Testi docente Peccati-Luciano-D'Amico: "Calcolo finanziario: temi di base e temi moderni", EGEA Bocconi, Milano, 2011
o in alternativa:
Stefani -Torriero A-Zambruno, Elementi di Matematica finanziaria e cenni di programmazione lineare, IV ed., Giappichelli, 2011
Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: CONTABILITA' E BILANCIO

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare SECS-P/07
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Erogazione 01M85 CONTABILITA' E BILANCIO in Scienze economiche L-33 NICOLO' DOMENICO
Docente Domenico NICOLO'
Obiettivi N.D.
Programma Il sistema informativo contabile delle imprese. Il reddito d'esercizio e il capitale di funzionamento. Il bilancio d'esercizio. Le variazioni contabili, il conto e il metodo della partita doppia. Il piano dei conti. Le rilevazioni di esercizio. Le scritture di chiusura. Le scritture di riapertura dei conti. I principi contabili nazionali.
Testi docente Sono consigliati, in alternativa, i seguenti manuali:
Marchi, Contabilità dimpresa e valori di bilancio, Giappichelli o
Cerbioni, Cinquini, Sostero, Contabilità e bilancio, MCGraw-Hill
Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: DIRITTO AGRARIO

Corso GIURISPRUDENZA
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2016/2017
Crediti 5
Settore Scientifico Disciplinare IUS/03
Anno Primo anno
Unità temporale Secondo semestre
Ore aula 30
Attività formativa Attività formative a scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a)

Canale unico

Docente ROBERTO SAIJA
Collaboratore LIDIA MELISSARI
Obiettivi Scopo del corso di Diritto agrario è fornire ai discenti gli strumenti concettuali necessari a conoscere e comprendere i tradizionali istituti del Diritto agrario collegati all’attività produttiva agricola, ai modi di apprensione della terra il cui scopo è l’esercizio dell’impresa ed alle controversie agrarie.
Più specificamente, il corso di Diritto agrario si prefigge di incentivare lo sviluppo di: Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente apprenderà la normativa generale sull''esercizio dell''attività produttiva agricola, sui modi di apprensione della terra finalizzati all’esercizio dell’impresa e sul processo agrario.~ Conoscenza e capacità di comprensione applicate: In questa logica egli sarà in grado di applicare principi e criteri generali che informano l''attività di interpretazione ed argomentare la ratio sottesa alla loro applicazione.~ Autonomia di giudizio: Il discente sarà in grado di cogliere i profili giuridici relativi alle principali tematiche affrontate nel corso delle attività didattiche (lezioni, esercitazioni, seminari).~ Abilità comunicative: Il discente sarà in grado di esporre gli argomenti sottolineando anche le interdipendenze tra le differenti tematiche.~ Capacità di apprendere: Lo studente, attraverso l'interazione in aula col docente, con i colleghi e con docenti esterni che saranno invitati a tenere seminari di approfondimento, acquisirà un metodo di apprendimento in grado di coniugare lo studio dei testi di riferimento con l’aggiornamento, attraverso i principali media, e l''analisi degli orientamenti dottrinali e giurisprudenziali.
Programma Le ragioni dello studio del diritto agrario - Le fonti del diritto agrario - Proprietà terriera, impresa agricola e imprenditori agricoli – La terra, e i beni dell'organizzazione aziendale agraria - I modi di apprensione dei beni dell'organizzazione aziendale agraria– L’azienda agricola e la sua circolazione - La gestione dei conflitti in agricoltura.
Testi docente Solo i frequentanti potranno studiare sul materiale fornito dal docente durante le lezioni che verranno impostate in forma seminariale con la formazione di gruppi di studio.
Programma per i non frequentanti:
1) ALBERTO GERMANÒ, Manuale di diritto agrario, VIII ed., Giappichelli, Torino, 2016 oppure 2) LUIGI COSTATO- LUIGI RUSSO, Corso di diritto agrario italiano e dell'Unione europea, Giuffrè, Milano, 2015.
Chi sceglie il testo di A. Germanò, Manuale di diritto agrario, VIII ed., deve studiare le seguenti parti:
Capitolo primo: Le ragioni dello studio del diritto agrario, paragrafi 1, 2, 3 e 5;
Capitolo secondo: Le fonti del diritto agrario, paragrafi 1, 2, 3 e 4;
Capitolo terzo: La proprietà terriera e l'impresa agricola, tutto;
Capitolo quarto: L'impresa agricola: tutto (ad eccezione del paragrafo 17);
Capitolo quinto: Gli imprenditori agricoli: tutto (ad eccezione del paragrafo 11);
Capitolo sesto: La terra, il bosco e il bestiame: paragrafi 1, 2, 3, 4, 6, 13;
Capitolo settimo: I modi di apprensione dei beni fondamentali dell'organizzazione aziendale agraria: paragrafi 2, 5, 8, 9, 11, 16 e una attenta lettura del paragrafo 14;
Capitolo tredicesimo: La gestione dei conflitti in agricoltura: tutto.

Chi sceglie, invece, L. Costato - L. Russo, Corso di diritto agrario italiano e dell'Unione Europea, IV ed., Giuffrè, 2015, deve studiare le seguenti parti:
Capitolo primo, L'agricoltura e il diritto agrario, ovvero le ragioni di una specialità, tutto (3-21);
Capitolo secondo, Le fonti del diritto agrario, sezione prima, tutta (23-64);
Capitolo nono, Gli imprenditori agricoli, tutto (323-409);
Capitolo decimo, L'azienda agraria e i contratti ad essa connessi, tutto (411-467);
Capitolo undicesimo, I contratti agrari per la coltivazione e l'allevamento, tutto (469-547).
Erogazione tradizionale
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Descrizione Descrizione
Legge 3 maggio 1982 n. 203 (varie) Descrizione
Sentenza Corte Costituzionale n. 318/2002 (varie) Descrizione
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata
Salita Melissari - 89124 Reggio Calabria - CF 80006510806 - Fax 0965 332201 - URP:Indirizzo di posta elettronica dell'ufficio relazioni con il pubblico- PEC:Indirizzo di posta elettronica certificata dell'amministrazione
Feed RSS Facebook Twitter YouTube Google+

PRIVACY - NOTE LEGALI - ELENCO SITI TEMATICI