Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa sulla privacy. Proseguendo la navigazione o cliccando su "Chiudi" acconsenti all'uso dei cookie. Chiudi
vai al contenuto vai al menu principale vai alla sezione Accessibilità vai alla mappa del sito
Login  Docente | Studente | Personale | Italiano  English
 
Home page

Elezione Rettore 2012-2018

Pasquale Catanoso quinto rettore della Mediteranea

link alle news


Con le dimissioni del rettore Massimo Giovannini del 28 marzo scorso e l'accettazione da parte del ministro Profumo, il decano di Ateneo, prof.ssa Simonetta Valtieri, ha indetto le elezioni per il rettore dell'Università Mediterranea 2012-2018.

Due i candidati: Pasquale Catanoso e Francesco Russo.

Le votazioni avranno luogo dalle ore 9,00 alle ore 17,00 nei locali dell'Università ubicati nel lotto D, via Melissari, con il seguente calendario:

  • mercoledì 13 giugno - prima votazione;
  • venerdì 15 giugno - eventuale seconda votazione;
  • giovedì 21 giugno - eventuale terza votazione.

In caso di mancata elezione alla terza votazione si procederà al ballottaggio ai sensi e per gli effetti di cui ai commi 7 e 8 dell'art. 17 dello Statuto.

Elettorato

L'elettorato passivo è riservato ai professori ordinari a tempo pieno (o che all'atto della candidatura producano una preventiva dichiarazione di opzione per il regime di impegno a tempo pieno in caso di nomina) per i quali non sia previsto il collocamento a riposo per tutta la durata della carica.

L'elettorato attivo per l'elezione del Rettore spetta:

    1. ai professori di ruolo, di prima e seconda fascia, ed ai ricercatori a tempo indeterminato;
    2. al personale tecnico-amministrativo e bibliotecario di ruolo a tempo indeterminato;
    3. ai componenti del Consiglio degli Studenti nonché ai rappresentanti degli studenti in carica negli altri organi attualmente vigenti - Consigli di Facoltà e Consigli di Corsi di Studio;
    4. al personale tecnico-amministrativo e bibliotecario a tempo determinato;
    5. ai ricercatori a tempo determinato.

Ad eccezione dei soggetti indicati nella lettera a) del precedente comma e in riferimento agli stessi soggetti, il voto espresso dalle altre componenti che godono dell'elettorato attivo è ponderato, rispettivamente, come segue:

b. nella misura del 25%;
c. nella misura del 40%;
d. nella misura del 12,5%;
e. nella misura del 50%.

Votazioni

Nelle prime due votazioni il voto è valido se ad esso partecipa più del 50% degli aventi diritto tra i professori e ricercatori complessivamente computati ai sensi del comma 6 dell'art. 17 dello Statuto. In tali votazioni, è eletto Rettore il candidato che ha ottenuto almeno la metà più uno dei voti degli aventi diritto, computati ai sensi del predetto comma 6 dell'art. 17.

In caso di mancata elezione, si procede alla terza votazione nella quale è eletto Rettore il candidato che ha ottenuto più della metà dei voti espressi, computati sempre secondo il comma 6 dell'art. 17.

In caso di mancata elezione alla terza votazione, si procede al ballottaggio fra i due candidati che abbiano riportato il maggior numero dei voti nell'ultima votazione, sempre computati secondo il comma 6 dell'art. 17 e viene eletto colui che ottiene la maggioranza dei voti espressi.

In ogni caso, fino alla terza votazione di ballottaggio, il Rettore deve avere più del 50% dei voti dei professori e ricercatori votanti, complessivamente computati, ivi compresi i ricercatori a tempo determinato computati ai sensi dell'art. 17 comma 6.

Seggi

Sono costituiti cinque seggi, uno per ciascuna delle componenti elettorali individuate dall' art. 17 comma 5 dello Statuto. Presso ciascun seggio sono predisposte, a cura della Direzione Amministrativa, una o due cabine ed un'urna per la raccolta delle schede votate, gli elenchi definitivi degli aventi diritto al voto, oltre al materiale necessario per il corretto svolgimento delle operazioni elettorali.

Con apposita ordinanza si provvederà alta nomina delle Commissioni Elettorali preposte alle operazioni di ciascun seggio.


Documenti

  1. 30 aprile 2012 Nota del Consiglio degli studenti
  2. 3 maggio Ordinanza indizione decano
  3. 4 maggio Nota delle RSU al ministro Profumo
  4. 14 maggio Nota delle RSU sulle elezioni
  5. 18 maggio Nota del MIUR e mail di inoltro
  6. 22 maggio Nota del Rettore al Decano (rif. nota Miur del 18 maggio)
  7. 22 maggio Elenchi elettorato attivo provvisorio
  8. 28 maggio Appello della RSU d’Ateneo al Consiglio d’Amministrazione Università Mediterranea
  9. 28 maggio Risposta del Decano al Rettore
  10. 30 maggio Speranza/Canale Lettera aperta al Magnifico Rettore e a tutta la comunità accademica
  11. 30 maggio Richiesta di parere urgente" all'Avvocatura distrettuale di Stato
  12. 31 maggio Risposta Avvocatura distrettuale di Stato
  13. 31 maggio Ricorso del MIUR sullo Statuto al TAR Calabria
  14. 4 giugno Elenchi elettorato attivo definitivo
  15. 5 giugno Risposta del Decano sul parere dell'Avvocatura (doc. 12) e parere pro veritate dell'avv. Antonio Romano
  16. 8 giugno Ordinananza n. 2 del Decano per la composizione delle Commissioni elettorali
  17. 15 giugno Accettazione del prof. Pasquale Catanoso con lettera di trasmissione del Decano
  18. 3 novembre Decreto di nomina del ministro Profumo

Statuto di Ateneo, art. 17. Elezione del Rettore

1. Il Rettore viene eletto, a scrutinio segreto, tra i professori ordinari in servizio presso l’Università italiana. Qualora venga eletto un professore appartenente ad altro Ateneo, l’elezione equivale ad automatica chiamata e contestuale trasferimento nell’organico dei professori dell’Università Mediterranea.

2. L’elettorato passivo è riservato a professori ordinari per i quali non è previsto il collocamento a riposo per la durata della carica elettiva. I candidati alla carica di Rettore devono presentare la propria candidatura sulla base di un curriculum e di un programma formalmente comunicati alla comunità universitaria almeno trenta giorni prima del giorno fissato dal Decano dell’Ateneo per la prima votazione. I voti espressi in favore di un professore che non abbia presentato, nel termine indicato, la candidatura, il curriculum e il programma, sono nulli.

3. Le votazioni si devono svolgere almeno trenta giorni prima della scadenza del Rettore in carica. Il Decano dell’Ateneo è responsabile della procedura elettorale. Egli, ovvero, in caso di assenza, impedimento o indisponibilità, il professore ordinario successivo in ordine di anzianità nel ruolo, indice con proprio provvedimento le elezioni nei sei mesi precedenti la scadenza del mandato del Rettore. In attesa dell’elezione del nuovo Rettore, qualora vengano superati i termini temporali della sua scadenza, sono prorogati non oltre i 45 giorni i poteri del Rettore in carica.

4. Il Rettore, al momento della nomina, deve essere in regime di impegno a tempo pieno. È nominato con decreto del Ministro competente e dura in carica per un unico mandato di sei anni, non rinnovabile.

5. L'elettorato attivo per l'elezione del Rettore spetta:

  1. ai professori di ruolo, di prima e seconda fascia, ed ai ricercatori a tempo indeterminato;
  2. al personale tecnico-amministrativo e bibliotecario di ruolo a tempo indeterminato;
  3. agli studenti componenti il Consiglio degli Studenti e eletti in seno ai Consigli dei Dipartimenti dell’Ateneo;
  4. al personale tecnico-amministrativo e bibliotecario a tempo determinato;
  5. ai ricercatori a tempo determinato.

6. Ad eccezione dei soggetti indicati nella lettera a) del precedente comma e in riferimento agli stessi soggetti, il voto espresso dalle altre componenti che godono dell’elettorato attivo è ponderato, rispettivamente, come segue:

b. nella misura del 25 %
c. nella misura del 40%
d. nella misura del 12,5%
e. nella misura del 50%

7. Nelle prime due votazioni il voto è valido se ad esso partecipa più del 50 % degli aventi diritto tra i professori e ricercatori complessivamente computati ai sensi del c. 6 del presente articolo. In tali votazioni, è eletto Rettore il candidato che ha ottenuto almeno la metà più uno dei voti degli aventi diritto, computati ai sensi del c. 6. In caso di mancata elezione, si procede alla terza votazione nella quale è eletto Rettore il candidato che ha ottenuto più della metà dei voti espressi, computati sempre secondo il c. 6. In caso di mancata elezione alla terza votazione, si procede al ballottaggio fra i due candidati che abbiano riportato il maggior numero dei voti nell’ultima votazione, sempre computati secondo il c. 6 e viene eletto colui che ottiene la maggioranza dei voti espressi.

8. In ogni caso, fino alla terza votazione di ballottaggio, il Rettore deve avere più del 50% dei voti dei professori e ricercatori votanti, complessivamente computati, ivi compresi i ricercatori a tempo determinato computati ai sensi del c. 6.

9. Il candidato che abbia ottenuto la maggioranza dei voti prescritta è proclamato eletto dal Decano al quale comunica formalmente l’accettazione entro cinque giorni dalla proclamazione. Qualora il Decano presenti una propria candidatura, le funzioni di Decano sono svolte dal professore ordinario successivo in ordine di anzianità nel ruolo.

10. Nel caso di mancata accettazione, o di cessazione anticipata del Rettore dalla carica, il Decano indice nuove elezioni entro i successivi trenta giorni. In questo caso, le candidature, i curricula e i programmi debbono essere presentati formalmente alla comunità universitaria almeno sette giorni prima dell’inizio della competizione elettorale.

Salita Melissari - 89124 Reggio Calabria - CF 80006510806 - Fax 0965 332201 - URP:Indirizzo di posta elettronica dell'ufficio relazioni con il pubblico- PEC:Indirizzo di posta elettronica certificata dell'amministrazione
Feed RSS Facebook Twitter YouTube Google+

PRIVACY - NOTE LEGALI - ELENCO SITI TEMATICI